lunedì 6 gennaio 2014

“The Wolf of Wall Street”, record di parolacce per Scorsese

“The Wolf of Wall Street” di Martin Scorsese ha diviso pubblico e critica per le scene eccessive e sopra le righe, soprattutto per quanto riguarda il linguaggio. Il film si è infatti aggiudicato il record di parolacce, con la parola “F**k” che viene infatti pronunciata ben 506 volte in circa tre ore di pellicola. Una media quindi di tre parolacce al minuto per il regista, che ama colorire i dialoghi con le imprecazioni.




Con i suoi 506 F**k il regista premio Oscar ha superato di misura il precedente record di “Summer of Sam” di Spike Lee (fermo a quota 435), che ha tenuto saldo il primato per ben 14 anni. Martin Scorse è presente nella top 20 dei film più scurrili con altre due pellicole: “Casino” (al quarto posto con 422 ripetizioni) e “Quei bravi ragazzi” (undicesimo a quota 300).
“The Wolf of Wall Street” uscirà nelle sale italiane il prossimo 23 gennaio, mentre in America è uscito durante le feste incassando 34,3 milioni di dollari. La storia ruota intorno al carismatico broker Jordan Belfort, interpretato da Leonardo di Caprio, e racconta la sua vita di eccessi e vizi nel pieno del boom finanziario che ha travolto Wall Street negli anni ’90.

Google+ Badge